inizia da qui

minimo è
un blog su minimalismo, smaller living, decluttering, decrescita, sul superfluo in senso ampio e su come liberarsene; una cronaca del nostro percorso verso una vita più leggera (incluso, tra le altre cose, lo scambio casa)

ebook

        

“Non è ingegneria nucleare: manuale di decluttering per persone molto occupate” è un mini-ebook sul decluttering: tutto e solo quello che dovete sapere sull’argomento, secondo me. Pubblicato ad agosto 2016
“50 sfumature di minimo”: pubblicato a marzo 2015, raccoglie altrettanti post di minimo, su temi come decluttering, decrescita, risparmio e così via; consideratelo una specie di “bigino”
Ne ha parlato anche Donna Moderna, in un articolo dal titolo “I 5 libri migliori per imparare a fare decluttering”.
“Dall’abbondanza all’abbastanza” è la traduzione (mia) di “Living in the Land of Enough” di Courtney Carver (be more with less). Qui trovate una presentazione

qui altri consigli di lettura “minimalisti”

app
per iPhone e iPad; versione 2.0 pubblicata a maggio 2014

social
Twitter (dove però non parlo solo di minimalismo!) e un gruppo Facebook (questo invece, dedicato): venite a fare due chiacchiere!

flipboard
una raccolta di post e articoli dedicati a tutti gli argomenti del blog: smaller living, decluttering, realizzazione personale, produttività e lavoro nel mondo digitale…

hanno parlato di minimo (tra gli altri e che io sappia)
Pierpaolo De Lauro, sul Venerdì di Repubblica (7/10/2011)
l’edizione online del Messaggero (16/10/2011)
il blog Nuovi stili di vita del Corriere del Veneto, testata locale del Corriere della Sera (aprile 2012)
nel febbraio 2012 in AccademiA abbiamo parlato di superfluo, decluttering e… felicità (è stato bellissimo!)
Mattino Cinque durante la puntata del 6 febbraio 2013, all’interno del servizio “Meno ho, meglio campo?”
Raffaella Caso su Donna Moderna (22 gennaio 2017)

Tutti i contenuti di minimo sono coperti da licenza Creative Commons, ovvero è possibile citarli o riutilizzarli, ma non a scopo di lucro, indicando sempre la fonte e senza effettuare modifiche.

minimo, per vocazione, è privo di pubblicità. Se pensate che abbia contribuito, almeno un po’, ad arricchirvi e a semplificarvi la vita (no, le due cose non sono in contrasto tra loro!), e volete dare una mano al suo mantenimento, potete fare una donazione (minima ovviamente!) tramite PayPal.

(ultimo aggiornamento 31 gennaio 2017)

14 thoughts on “inizia da qui

  1. Ciao, sono giunto sul tuo blog per caso (niente per caso…). Brevemente e in attesa di ulteriori (…) sviluppi, dico che lo seguirò, da ora in poi, con piacere e interesse. Ah, anch’io sono mooooolto grafomane…

    Ciao

    Gian Marco
    Gian Marco di recente ha scritto I Sette… Contratti Capitali

  2. Ciao Elle,

    ti ho scoperta stamane per caso, in giro su internet. Curo il blog di Organyc, Pink is the new Green, la sostenibilità al femminile. Ho pensato di scrivere un post su di te e mi farebbe piacere farti qualche domanda. Ti aspetto sul blog e fammi sapere! Grazie
    Michela per Organyc

  3. Ciao Elle,
    giungo qui per caso…ed il tuo blog in questo periodo contingente della mia vita…mi ha molto colpito! Abbiamo ristrutturato casa, traslocato in qualche modo arredato ma soprattutto firmato il primo mutuo tutto nel giro di 5 mesi…come dire flippata è la parola che più mi definisce… leggerti mi ha rasserenata.. continuerà a farlo! ps la grafomania è una bella bestia anche per me..

    1. Tutto in 5 mesi? Complimenti, credo sia una specie di record!
      Happy to help, come si suol dire: spero che continuerai a leggermi.

  4. Mi piacerebbe applicare questa filosofia del “minimo” alla mia piccola casa di 45 metri quadri…e 80 di terrazzo.
    Abbiamo iniziato in due,io e mio marito, poi è nato il nostro primo figlio e adesso aspetto due gemelli…
    Il fatto è che sono innamorata della mia casa e nn vorrei lasciarla…
    Avresti qualche consiglio…
    Grazie

    1. Ciao! Non ho capito qual è il problema esattamente, che la tua casa attuale è un po’ troppo piccina ma tu non vorresti lasciarla?

        1. È una questione un po’ complessa da affrontare in un commento…
          Per me 45 mq sarebbero probabilmente pochi per viverci in due, visto che sono in casa costantemente. Sicuramente ci sono modi per allargare gli spazi esistenti, ma i metri rimangono quelli, e viverci in cinque non è sicuramente semplice.
          Comunque molto dipende anche da che prospettive hai in termini di vendita potenziale della casa e acquisto (o affitto) di una nuova: in questo momento vendere potrebbe anche essere impossibile o quasi.
          Forse la cosa più sensata è aspettare che i tuoi gemelli siano nati e vedere come vi sistemate… e magari nel frattempo approfittarne per un bel decluttering sostanzioso per fare il più possibile spazio.

  5. La licenza che hai scelto (CC-BY-SA) permette di utilizzare i contenuti anche per finalità commerciali (lucro). Ad ogni modo non ti consiglio di cambiare licenza, ma sei ovviamente libera di fare come vuoi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

CAPTCHA
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code
 

CommentLuv badge