10 idee regalo minimaliste

rennaSta arrivando Natale, ve ne siete accorti? (ah ah ah, mi sento spiritosa). E Natale, come ogni anno, significa anche stress da regali.
L’idea di essere obbligati a regalare a una determinata cerchia di persone, indipendentemente dai nostri effettivi rapporti con loro, dalle nostre convinzioni, e anche dalle risorse che abbiamo a disposizione (di tempo E denaro): insomma, i regali fatti per fare, che trasformano quello dovrebbe essere un bel gesto e un piacere, in uno spreco e un peso, per noi e per i destinatari.

Questo tipo di regali andrebbero proprio eliminati (almeno così la penso io), ma ci sono persone alle quali ci fa piacere donare perché rimane un bel gesto, un piacere, e un modo di dimostrare affetto. Questo post è dedicato a loro, e a voi ovviamente, se siete a corto di idee e/o se volete andare in una direzione “alternativa”. Con una premessa: alcuni dei suggerimenti di seguito non sono economici in assoluto: sono minimal (nel senso che che riflettono una certa visione del mondo, ecco) ma non necessariamente minimi. 

1) Abbonamento a RunKeeper Pro: app che non serve solo per correre, ma per tenere traccia un po’ di tutta l’attività fisica che facciamo, magari anche sfruttando uno dei piani di allenamento inclusi. Naturalmente ce ne sono mille altre, comprese alcune dedicate a discipline specifiche, come lo yoga.
Se poi volete uscire dal virtuale, potete regalare: un abbonamento di prova in palestra (ho detto “di prova”, sennò capace che ve lo tirano in testa), oppure un ciclo di lezioni private di… qualsiasi cosa, magari per la quale il destinatario abbia espresso interesse (Pilates? Yoga? Arti marziali?). Fate mente locale: vedrete che vi verrà in mente un’idea.
Per chi fa già attività fisica: potete buttarvi sull’abbigliamento/attrezzatura tecnica, anche qui avrete solo l’imbarazzo della scelta e lo/la farete sicuramente felice. Se siete in dubbio su taglie, colori etc., un buono regalo in un bel negozio specializzato e passa la paura.
Altra idea uguale e opposta: siete voi quelli attivi, e conoscete qualcuno cui farebbe un gran bene muoversi? Regalate un “ciclo” di [enne] uscite di corsa o passeggiate o allenamenti insieme. Costo zero, controindicazioni zero, vantaggi da ogni punto di vista, praticamente il regalo perfetto.

2) Iscrizione a Headspace: ne ho già parlato qui. Nel frattempo sono arrivata a quasi 50 ore di meditazione in più di 200 giorni consecutivi. È un regalo originale, magari un po’… audace, ma che può fare davvero la differenza.

3) Giornata alle terme insieme (o, se ci sono bambini di mezzo, l’offerta a fare da babysitter). Oppure un buono per trucco & parrucco, per la ricostruzione unghie, per un massaggio. Tutto superfluo, anzi di più? È vero. Ma tutti conosciamo qualcuno che ha bisogno di fare una pausa e coccolarsi un po’, eppure non trova mai il tempo e/o la spinta giusta.

4) Buono regalo da spendere in libreria, o su Amazon. E perché non regalare addirittura il Libro di Sabbia all’amico divoratore di libri (ma) luddista, che sproloquia a ogni piè sospinto del profumo della carta? Se poi volete usare questo link, fate un regalo anche a minimo*

5) Iscrizione a un sito di scambio casa. Altro regalo alternativo e “coraggioso”; da maneggiare con cura, (anche) perché lo scambio casa dà dipendenza!

6) Coppetta mestruale e/o assorbenti lavabili. Vantaggi economici, ecologici, pratici, fisici, chimici, insomma, ci state ancora a pensare? 😉

7) Per piemontesi e lombardi, l’Abbonamento Musei: ingresso per un anno in tutti i musei di Piemonte o Lombardia, per la folle cifra rispettivamente di 52€ e 45€. È un’idea (e un’iniziativa) talmente favolosa che… me lo dico da sola.

8) Corso di lingua, magari da frequentare insieme. Sono parziale, di sicuro, ma cosa c’è di più bello del… dono delle lingue?

9) Abbonamento a Internazionale, anche solo in versione digitale (comodo ed ecologico).
Volendo, a un prezzo veramente risibile (15€), si possono comprare in PDF tutti i numeri della rivista dal 1993 al 2014. Vi ringrazieranno, eccome se vi ringrazieranno (e poi i traduttori di Internazionale sono tra i migliori in circolazione).

10) Corso o specializzazione su Coursera: marketing, programmazione, social media, legge, economia e finanza… Coursera continua a essere gratuito, ma pagando è possibile autenticarsi e, a fine corso, ricevere un certificato valido a tutti gli effetti, esattamente come se avessimo frequentato presso l’università.

Altri suggerimenti? Ditemi tutto nei commenti, oppure entrate anche voi a far parte del gruppo Facebook di minimo!

… prima di andare via
Come qualcuno già sa, e qualcun altro avrà notato, c’è una piccola novità, che sostituisce l’account di minimo su Scoop. Buona lettura!

*come sapete minimo non fa pubblicità, ed è anche totalmente consapevole delle perplessità che circondano Amazon in vari ambiti (in primis, il trattamento dei suoi dipendenti). Detto questo, ho scelto di inserire nel blog alcuni link affiliati esclusivamente a ebook e al Kindle (e non ad altri articoli), perché personalmente sono una sostenitrice del libro digitale, perché ritengo che la piattaforma di Amazon in questo ambito non abbia paragoni, e perché trovo che il loro servizio clienti sia spettacolare. Questo ovviamente non significa che, come lettori, approviate l’utilizzo di questi link, e dobbiate sentirvi obbligati a comprare su Amazon per utilizzarli, o a comprare su Amazon necessariamente attraverso di essi. Se, ad esempio, il Kindle vi interessa, ma non vi va che una parte del vostro acquisto vada a questo blog, qui per vostra comodità trovate il link non affiliato. Buona lettura!

minimo è anche su Facebook e su Twitter

One thought on “10 idee regalo minimaliste

  1. Non sono religiosa, ma avere l’occasione di dare (e ricevere) piccoli gesti e gentilezze da persone in qualche modo importanti, del presente e del passato, a me dà piacere.

    Ieri dei dolcetti e un biglietto da una paziente che seguo da 5 anni con dedizione: è stata la prima volta che mi ha ringraziata, a modo suo. Mi è venuto da pensare che non so se sarebbe riuscita a farlo senza la “scusa” del Natale.

    Noi solito per amici e parenti ci dedichiamo al fai da te (biscotti, pasta, piccole decorazioni): il tempo e la fantasia per le creazioni è tempo in cui penso alle persone care, che magari do per scontate ma se se ci si ferma a pensare non è proprio così!
    Forse i regali semplici e fai da te non sempre sono apprezzati, ma a un certo punto mi sono detta che se uno non c’arriva a capire il senso e il “valore” di quello che riceve (tipo magari ore di lavoro e attenzione) allora pace 😉

    Tra me e il mio amato non c’è la tradizione di regali, ma anche qui la prendiamo come una scusa per fare cose a cui teniamo ma magari non ci decideremmo a fare: ad esempio lo scorso anno ci siamo regalati l’abbonamento a Radio Popolare, quest’anno mi sono regalata quello a Wikipedia.

    I regali che citi sono azzeccatissimi: una volta ho ricevuto in dono un massaggio ed è stato davvero gradito!

    Baci e … teniamo duro!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

CommentLuv badge