minimo TV

smileChe non è il titolo di una trasmissione futuribile, ma la scusa per dirvi due parole due su cosa sono andata a fare mercoledì mattina.

Capita che lunedì riceva una mail di un autore di MattinoCinque, che mi chiede se sono interessata ad andare ospite in trasmissione per parlare di decluttering e superfluo. Vi risparmio la mia faccia quando ho letto la mail… 🙂

Ci sentiamo per telefono, mi spiega che ogni mercoledì dedicano un servizio a quel tipo di tematiche, che hanno visto il mio blog e che vorrebbero intervenissi. Mi sembra interessante e accetto. Mi contatta poi la segreteria per la logistica, e mercoledì mattina alle 9 io e Marco ci troviamo davanti ai cancelli di Mediaset, diretti allo studio 10, dove mi aspettano per “trucco e parrucco”.

Sì, lo so, la sto facendo molto facile.

In realtà, sapete quando si dice che “il corpo sa”? Volendo intendere che il nostro corpo sa istintivamente cos’è bene e cos’è male per noi, e che di conseguenza bisogna starlo ad ascoltare. Ecco, evidentemente il mio corpo non sapeva una mazza, se non di essere colto da un attacco di terrore semi-paralizzante. Io non sono una persona emotiva, però fatico molto a uscire dalla mia zona di confort: e andare in diretta in televisione direi che è quanto di più lontano dalla mia zona di confort possa esistere sulla faccia della Terra. Morale: martedì ero un relitto, in preda a una nausea intermittente ma devastante, tanto forte che avevo seriamente preso in considerazione di tirarmi indietro. Non l’ho fatto perché avevo preso un impegno; e perché sono un tipo testardo, e al “corpo che (non) sa” non volevo darla vinta.

Sta di fatto che mercoledì mattina stavo meglio, un po’ tesa ma viva, e anche la tensione man mano si è sciolta. Sono stata data in pasto alle sante mani di una truccatrice che mi ha fatta nuova, e dopo una chiacchierata con l’autore che mi aveva contattato (che ringrazio) e un po’ di attesa, mi hanno accompagnato in studio insieme agli altri ospiti.
In realtà della trasmissione in sé c’è relativamente poco da dire: inevitabilmente non è stato possibile approfondire più di tanto, però fa piacere vedere che anche una trasmissione cosiddetta “generalista” si occupa di questi temi (e, mi dicono, con un bel riscontro di pubblico).
Se volete vedere la puntata la trovate qui; il servizio parte più o meno a un’ora di trasmissione (EDIT del 29 aprile 2015: il video non è più disponibile. Ahimè, così terminano definitivamente i miei 15 minuti di celebrità 😉 ).
Siate buoni e non commentate sulla mia telegenia, inesistente almeno quanto la fotogenia: la truccatrice ha fatto miracoli, ma più dell’onor poté il naso.

Ovviamente ringrazio tutto il personale dello studio con cui abbiamo avuto a che fare, conduttrice compresa!, per aver reso l’esperienza molto divertente e piacevole; quelle pochissime amiche che sapevano della cosa, per il supporto morale; tutti voi lettori “storici” di minimo per i complimenti e le congratulazioni; e naturalmente tutti quelli che hanno visto la puntata e sono approdati qui sul blog (e sono tantissimi). Benvenuti, e spero che vi fermerete.

E insomma, per concludere, non è che andare su Canale 5 mi abbia cambiato la vita, evidentemente: però, come minimo, l’esperienza mi ha insegnato che a volte il corpo non sa, che a volte l’istinto è solo paura; e che se la vita ci mette davanti qualcosa di completamente nuovo, di solito (di solito!) vale la pena buttarsi.

Buon fine settimana a tutti!

minimo è anche su Facebook e su Twitter

20 thoughts on “minimo TV

  1. Io non ho più la TV da anni, per cui darò ora una sbirciatina al file – appena si apre.. – ti ammiro: metterci la faccia è impegnativo e so bene che significa quando il tuo corpo è in preda al panico! 🙂
    Condivido: buttarsi spesso porta sorprese positive. complimenti in fiducia!
    Cì di recente ha scritto Libri: il ragazzo giusto

  2. Francamente non mi sono piaciuti affatto i modi incalzanti della conduttrice, all’inizio, al confronto dei carrelli. Lo so, è il loro stile e bisogna stare al gioco se lo si vuole giocare.
    Oppure no?

    Al di là di questo, il passaggio televisivo è un buon modo per raggiungere le persone, e come tu scrivi una novità interessante.
    Credo che a dispetto di tutte le obiezioni e della fatica di riuscire a completare un pensiero, chi ha orecchie per intendere abbia inteso, e preso al volo il gancio che hai lanciato.
    In questo molto fa anche la genuinità, che si coglie anche di più messa a fianco degli stereotipi proferiti da Cecchi Paone… insomma, congratulazioni.

    p.s.: ho sentito parlare di stagionalità e prodotti ittici. Conoscete Fish Box: http://www.fishbox.it/?
    Denise Cecilia S. di recente ha scritto Lumache alla riscossa!

    1. Come sapete io non guardo la televisione, tanto meno al mattino… ma era un’occasione per buttare un amo, come dici tu un “gancio”, e devo dire che le visite su minimo di mercoledì sono state talmente tante che ho buone speranze. Del resto, non mi piace pensare che queste tematiche siano o debbano restare una faccenda quasi di elite. O no?

  3. wow wow wow !ma che soddisfazione L.!e complimenti per il coraggio ,non era così scontata la tua presenza….detto questo sì ,tra Cecchi Paone e la Panicucci si ben notava il loro punto di vista e poco si può fare in due minuti di intervento …è comunque una soddisfazione e ti dirò, mi sento ancora di più orgogliosa delle mie idee e del mio modo di vivere alla luce del messaggio trasmesso dai media ossia:poco è brutto,poco è sacrificio ,poco non è trendy .Siamo ancora ben distanti…ma va benissimo così .Brava L!
    pattylafiacca di recente ha scritto A Look at Painters with Portfolios

    1. Ti ringrazio… forse non parlerei addirittura di coraggio, ma in effetti ho avuto una reazione abbastanza spropositata, che mi ha anche un po’ stupito.
      Detto questo è stata un’esperienza, divertente anche, e quindi sono contenta di non essermi tirata indietro 🙂

  4. Eccomi io sono propio una di quelle che sono approdate qui attraverso la trasmissione, comer tio dicevo normalmente non guardo molta tv in particolare quel tipo di programmi, ma si vede che era destino… ora mi guarderò tutta la puntata perchè l’altro giorno ne ho visto solo uno spezzone. Comunque complimenti non è facile per i comuni mortali andare in diretta tv.
    Flavia di recente ha scritto Spring little fae

  5. Dev’essere destino che non riesca a vederti, anche Mediaset usa Silverlight e a me non funziona, dev’essere incompatibile con qualcosa.

    Il mio corpo reagisce come il tuo, avrei avuto anche io un attacco di panico di quelli giusti, altroché. Una volta, una vita fa, ho partecipato a uno spot TV, ma ero immersa nella folla e nonostante quello a inizio giornata ho avuto un attacco di gastrite da primato! Hai presente gli attacchi pre-esame? Ecco.

    Il fatto che si sia parlato di te anche in una radio (ehm, tralasciamo i commenti sul tipo di radio, eh-e chissà magari quante altre citazioni in altri programmi ci siam perse!) significa che comunque il programma di risonanza ne ha avuta parecchia, e va benone, anche se avevo visto un po’ di commenti sul sito di Mattino5 che testimoniano come tante persone non siano ancora pronte -erano sul genere “la signora la fa facile, ma come si fa a far tutto in casa, a rinunciare ai propri agi, togliamoci anche gli sfizi, ormai son rimasti solo quelli” eccetera.

    (Personalmente resto in attesa dell’altro progetto… in inglese non l’avevo letto 😉 )
    Alliandre di recente ha scritto An Irish blessing goes:

    1. Avete ragione, purtroppo la visualizzazione dalla pagina di Mediaset non è proprio il massimo.
      Ci stiamo lavorando, abbiate fede e pazienza 🙂

  6. Complimenti per la trasmissione! :-)) Son riuscito a vedere il filmato e mi è piacuto, sei stata brava a spiegarti in così poco tempo. Poi la Panicucci e Cecchi Paone non li reggo ma qui son problemi miei….
    Ciao

  7. Sono riuscita solo a intravederti prima che il sito Mediaset si suicidasse… beh sei uno schianto, ho avuto la stessa pettinatura (se così si può chiamare) per dieci anni 😉
    P.S.: bello anche il nuovo look di minimo! Più leggibile!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

CommentLuv badge